Come si raggiunge

Occorre prendere l’Autostrada A26 Genova- Gravellona Toce e uscire al casello di Masone. Prendere a sinistra per Rossiglione, attraversando il paese. Si segue per circa 2 km la strada per Tiglieto (SP 64) poi si gira a sinistra per scendere al campo sportivo di località Gargassino.

Descrizione del percorso:

L'Anello della Val Gargassa

Cartina del sentiero

Il sentiero è contrassegnata da un segnavia a doppia x. Costeggia il campo sportivo e risale la Val Gargassa, che diventa via via più stretta e rocciosa. Dopo circa 1 km (il primo tratto in mezzo a fiori e farfalle, poi in un bosco molto bello) si attraversa un affluente e si incontra un bivio. Si prosegue a sinistra sul bordo del torrente, sovrastato da pareti rocciose, sempre più alte e incombenti. In alcuni tratti impervi il passaggio è facilitato da passerelle di legno e da corrimano.

Lungo il sentiero si può scendere su qualche spiaggetta a guardare i pesciolini e gli insetti nel fiume.

Con bambini piccoli si può fare solo il pezzo fino al guado, ma con i più grandicelli si può proseguire ancora per molto.

Attraversato il torrente, infatti, si sale brevemente sul lato destro idrografico, poi si riattraversa il corso d’acqua e si raggiungono il prato e le case abbandonate di Veirera (quota 400 m circa), dopo circa 1h 15′ dalla partenza.

Oltre le case, seguendo il segnavia Ø , si arriva in breve a un ponticello che riporta sul lato destro idrografico. Si sale poi lungo una mulattiera in un bel castagneto e si giunge a un colletto (M. Ayolo) sullo spartiacque fra Gargassa e Stura (quota 520 circa), dove si incontrano vari sentieri, tra cui a destra quello per Prà Soldà. Piegando a sinistra si segue il sentiero segnalato con un rombo giallo pieno, che sale verso nord su una panoramica cresta rocciosa (le Rocce Nere, 563 m).

Sì scende quindi a un’ampia sella prativa (quota 500 circa), dove si incontra una strada sterrata che fa capo ad alcune case. Si trascura la rotabile per proseguire verso nord-ovest su una mulattiera priva di segnavia, che si inoltra in un castagneto e poi (attenzione a una macchia di erica sulla destra) sbuca su un prato nei pressi di due case (C. Broglio). Da qui si scende lungo una carrareccia, si attraversa il torrente Gargassa e si raggiunge la strada provinciale per Tiglieto. Seguendo la rotabile verso sinistra si ritorna in breve al punto di partenza.

Una buona idea può essere quella di portarsi anche adeguate vettovaglie per trascorrere fuori tutta la giornata.

Consigli utili

  • Distanza da Genova in auto: 35 minuti circa.
  • Ideale per: piccoli camminatori
  • Consigliato abbigliamento da trekking
  • Altre informazioni su l’Anello della Val Gargassa, sono reperibili qui

Nello zaino non dimenticare:

  • scorta d’acqua
  • k-way
  • telo da picnic
  • snack energetici
  • macchina fotografica
  • cellulare

Antonella Pescio

ATTENZIONE: le informazioni presenti in questo articolo possono non essere aggiornate, per cambiamenti dovuti a clima, manutenzione del territorio, eventi naturali, danni causati dall’uomo. Se volete segnalarci difformità con quanto scritto, vi invitiamo a farlo scrivendo a info@101giteinliguria.it – Contribuirete così ad un sito sempre più aggiornato ed attendibile. Grazie!

L’Anello della Val Gargassa

SP64, 30, 16010 Rossiglione GE, Italy