Poche grotte, in Italia, hanno la vastità e la profondità dell’Antro del Corchia, che con i suoi 53 km circa di gallerie e pozzi, detiene il primato nazionale del più vasto complesso carsico ipogeo.

Anche il dislivello, con i suoi 1187 m di altezza tra l’apertura più elevata e il fondo della grotta, rappresenta uno dei massimi valori rintracciabili del territorio italiano ed europeo.

Come arrivare

In auto: Il paese di Levigliani (MS) si trova ai limiti del Parco Regionale delle Alpi Apuane, nell’entroterra della Versilia, a 600 m s.l.m.
È raggiungibile attraverso la Strada provinciale d’Arni, passando da Seravezza, Ruosina e Retignano, oppure provenendo da Castelnuovo Garfagnana.

Per chi arriva da Genova, il casello di uscita è: Versilia, posto sull’autostrada A12 (E80) Genova-Rosignano. Levigliani si trova poi a 20 km di distanza.

La strada per arrivare, negli ultimi km, è abbastanza tortuosa, ma interessante paesaggisticamente (molto bello il passaggio in una  galleria scavata nella roccia) e utile per capire l’economia del territorio: troverete infatti, lungo il percorso, numerose aziende di lavorazione del marmo, riconoscibili dal classico carroponte che serve per spostare gli enormi blocchi.

Giunti sul piazzale del paese potete posteggiare l’auto, se trovate posto, oppure posteggiare lungo la strada che vi arriva.
L’edificio che fa da biglietteria vi darà tutte le informazioni necessarie, ma intanto ricordiamo le tre fondamentali:

  1. Occorre dotarsi di un maglione o comunque di un abbigliamento adeguato alla temperatura di 7 gradi, che troverete all’interno, e di scarpe con suole in gomma
  2. Considerare che la visita dura circa 2 ore, si sviluppa per una lunghezza di 2 Km e prevede 1.978 scalini
  3. E’ consigliabile, già che ci siete, abbinare la visita alle Miniere dell’Argento Vivo, della durata di circa 45 minuti.

La visita

Dal piazzale dove avete posteggiato parte, ogni ora circa, la navetta che vi porterà all’ingresso dell’Antro del Corchia: il tragitto dura circa 8 minuti e si snoda lungo una strada decisamente tortuosa ma dalla vista mozzafiato.

Non preoccupatevi se a tratti vi sembrerà che il pulman non riesca a passare nel tornate: gli autisti sono bravissimi.
La particolarità del Sistema carsico del Corchia sta soprattutto nella sua estrema complessità morfologica ed evolutiva. Si tratta infatti di un reticolo tridimensionale racchiuso in un volume di marmi e dolomie di circa 2 km di lunghezza, 1 km di larghezza e quasi 1200 m di altezza.

L'ingresso dell'Antro

L’ingresso dell’Antro

Il percorso attrezzato, di circa 2 km, vi consentirà di penetrare nell’interno del Corchia e di raggiungere il cuore della montagna e del sistema carsico.
Camminerete, per la maggior parte del percorso, lungo una passerella metallica antiscivolo, dotata di ringhiere, con la piena assistenza della guida, la quale vi farà sostare presso i punti più belli descrivendo le caratteristiche: il lago fossile ( si tratta di una riserva d’acqua rimasta “intrappolata” da migliaia di anni, senza poter evaporare né essere alimentata), la capanna del presepe, gli occhi della grotta e numerose altre figure, tutte da fotografare, che incanteranno i vostri bambini.

Il lago fossile

Il lago fossile

Giunti all’uscita, potrete rifocillarvi presso il piccolo punto ristoro e sedervi sulle panche al coperto che si trovano nelle vicinanze, e prendere nuovamente la navetta che vi riporterà sul piazzale di Levigliani.

Le Miniere dell’Argento Vivo

Nel pomeriggio potrete poi effettuare l’escursione alle Miniere dell’Argento Vivo, decisamente meno impegnativa ma non per questo meno interessante, che si trovano circa 500 metri sotto il paese e sono raggiungibili con la navetta (tutti i trasferimenti sono inclusi nel prezzo del biglietto).

La sosta golosa

Si chiama 1950 American Diner, e si trova a Forte dei Marmi (LU), a pochi chilometri dall’Antro del Corchia.

Si tratta di un locale ispirato ai famosi Diners americani degli anni ’50 (come il mitico Arnold’s di Happy Days, per intenderci).

All’interno ci sono i divanetti tipici dell’epoca, le sedie in metallo e pelle colorata, il pavimento a scacchi, i colori pastello e soprattutto le auto più cool dell’epoca. In un locale tipico americano anni 50 non potevano mancare poi i juke-boxes, e le cameriere rigorosamente in divisa e su pattini a rotelle (bravissime a girare fra i tavoli senza rovesciare nulla).

Tutto ciò fa di questo locale un ambiente particolarmente divertente per i bambini, oltre al fatto che i piatti e i panini del menu sono tutti molto gustosi (esiste anche il menu per celiaci) e si diversificano un po’ dalla classica offerta in stile “Mc Donald’s“.

Il locale fa parte di una catena composta da 8 locali, quasi tutti in Toscana.

E’ aperto normalmente la sera. Per informazioni, questo è il link al locale.

MINIERE_ARGENTO_VIVO_009Dotati di casco, e sempre accompagnati da una guida, inizierete a scoprire che l’argento vivo altro non è il mercurio, sostanza rarissima e storicamente nota per la sua tossicità tanto che, essendo usata nella produzione dei cappelli di feltro, spesso intossicava i cappellai facendoli uscire temporaneamente di senno (da questo deriva la nomea di “cappellaio matto“).

La visita inizia nel piccolo cantiere della “Cava Romana” dove si può notare l’antico metodo di scavo a pozzi inclinati ma, soprattutto, dove si possono vedere alcune rarissime tracce di mercurio allo stato naturale, sotto forma, quindi, di minuscole goccioline rosse depositate su una roccia.

Si procede poi per un breve tratto esterno dove si osservano i resti di antichi binari Decauville che servivano al trasporto del materiale fino all’impianto di lavorazione.

I macchinari d’epoca si trovano sulle sponde di un piccolo ruscello ed erano originariamente custoditi all’interno di una costruzione di legno, distrutta da un’esondazione del torrente, pochi anni fa.

MINIERE_ARGENTO_VIVO_012La seconda parte della visita si svolge nella miniera soprastante, chiamata “Cavetta”, lunga 160 mt. ca., al di sopra dei quali si ritrovano discenderie inclinate in cui sono istallati  vecchi tubi e tramogge per lo scarico del minerale dai livelli soprastanti.

Questa parte è particolarmente suggestiva, per i bambini, in quanto sono state ricostruite scene di lavoro dei minatori con personaggi che fanno rivivere la quotidianità e le difficoltà del lavoro in miniera.

Al termine della visita, vi attenderà la navetta per Levigliani (2 minuti di viaggio).

Informazioni utili

Il mezzo più indicato per raggiungere la zona è l’auto.

L’eta che noi suggeriamo è a partire dai 6 anni.

Molto importante, per una buona riuscita della visita, è l’abbigliamento. Sono obbligatori un maglione pesante o una felpa con cappuccio (il cappuccio può proteggere la testa nei passaggi più bassi), oltre che le scarpe con suole in gomma

Prezzi per la visita Corchia Underground (Antro + Miniera)
Intero: 18,00
Ridotto (ragazzi dai 5 ai 14 anni): 13,00
Gratis per bambini dai 0 ai 4 anni
Scolaresche (minimo 15 paganti, prenotazione obbligatoria con 3 gg. di anticipo, insegnanti gratis): 13,00

Il biglietto comprende:
1. il servizio di guida turistica alle grotte e alle miniere
2. il servizio di trasferimento in bus navetta, per le due visite, dal paese di Levigliani
3. l’ingresso ai musei “Pietra Piegata” e “Lavorare Liberi”

Guarda la gallery dell’Antro

Guarda la gallery delle Miniere dell’Argento Vivo

Annunci

L'Antro del Corchia e le Miniere dell'Argento Vivo

Unnamed Road, 55040 Stazzema LU, Italy

Post correlati