Da dove si parte

Dalle Fornaci di Sestri ai Fortini

Sentiero perfetto, anche se un po’ in salita

La particolarità di questa gita è che il punto di partenza è ben servito dai mezzi pubblici, sia AMT che Ferrovie, pertanto può essere comodamente affrontata anche da chi non abita nelle vicinanze. Il punto di partenza si trova in Via Domenico Oliva, a Sestri Ponente, Genova, presso la fermata ferroviaria denominata Costa di Sestri Ponente.
Ci si può arrivare sia in autobus, con le linee 58 e 161 in partenza da Sestri Ponente, oppure in treno, scendendo alla stazione suddetta, posta sulla linea Sampierdarena – Ovada. Qui trovate gli orari da Genova Principe.

Percorso

Premettiamo subito che si tratta di un’escursione per “piccoli camminatori” infatti, pur non essendo molto lunga, il sentiero è molto ripido anche se ottimamente curato.

La Storia delle Fornaci

Una volta arrivati al punto di partenza, prendete la via che si chiama delle Vecchie Fornaci. Dovendo coprire un notevole dislivello, il percorso è un po’ impegnativo. Le prime rampe ci portano al’interno di un antico borgo in cui operavano, un tempo, delle fornaci per la cottura di laterizi. Alcuni pannelli informativi, posti in prossimità di una fornace in disuso, spiega la storia industriale di questo piccolo borgo.
Il viottolo si trasforma poi in un sentiero, si fa un piccolo guado e dopo qualche minuto si giunge su una strada asfaltata. Prendere a sinistra e percorrere per circa 300 metri. Troverete a destra, una viuzza che si chiama Via Superiore Gazzo. Imboccatela.

La Chiesa dei SS. Rocco e Isidoro

Dopo qualche centinaio di metri di una creuza in salita, giungerete in vista della piccola Chiesa dei SS. Rocco e Isidoro, e da lì la vista inizierà a spaziare su tutto il Ponente genovese. La Chiesa è famosa perché qui sostarono, diretti al Santuario della Madonna del Gazzo, l’imperatore Federico Guglielmo di Germania, nel 1878 e la famosa Elisabetta d’Austria, meglio nota come Sissi, nel 1893.

Pochi passi ancora e troverete un prato dove fare una sosta o anche un picnic. Nelle vicinanze, uno splendido pino marittimo vi farà ombra, se la giornata sarà assolate. Sconsigliamo, comunque, questa passeggiata, nei mesi estivi.

I “fortini”

Dalle Fornaci di Sestri ai Fortini

L’area dei fortini e la fontanella

Se i bambini lo desiderano, si può proseguire il cammino seguendo il sentiero contrassegnato da due pallini rossi, che in circa 20 minuti vi porterà alla località che i sestresi chiamano, da sempre “i fortini“, che altro non è che un posto estremamente panoramico dove si trovavano, nel corso dell’ultimo conflitto, alcune batterie anti-nave.

L’area si trova purtroppo in stato di degrado e sporcizia perché molti tavoli da picnic sono stati divelti e anche i giochi per bambini non se la passano bene. E’ tuttavia presente una fontanella.

Al ritorno, potete seguire la stessa strada oppure sbizzarrirvi a seguire i sentieri che, in discesa, giocano a incrociarsi per poi portare comunque, tutti, al bivio della chiesa di San Rocco.

L’Osservatorio Astronomico

Dalle Fornaci di Sestri ai Fortini

L’Osservatorio Astronomico di Sestri

Giunti sulla strada asfaltata, attraversatela e proseguite praticamente diritti in discesa, passerete vicino all’Osservatorio Astronomico dell’Università Popolare Sestrese e, attraverso un caratteristico viottolo, tornerete alla linea ferroviaria, fermata Genova Costa, da dove potete tornare a casa.

 

 

Nello zaino, non dimenticare…

  • Scorta d’acqua
  • Macchina fotografica
  • Abbigliamento da trekking
  • Pallone
  • Telo da picnic

ATTENZIONE: le informazioni presenti in questo articolo possono non essere aggiornate, per cambiamenti dovuti a clima, manutenzione del territorio, eventi naturali, danni causati dall’uomo. Se volete segnalarci difformità con quanto scritto, vi invitiamo a farlo scrivendo a [email protected] – Contribuirete così ad un sito sempre più aggiornato ed attendibile. Grazie!

Dalle Fornaci ai Fortini

Via Domenico Oliva, 13, 16153 Genova, Italy