Ricerca di fossili al Righi

L’Ostaia de’ Baracche

Da dove si parte

Il nostro percorso parte sulle alture di Genova, in località Righi, dove potrete lasciare l’auto in prossimità della sterrata che porta all’Ostaia de’ Baracche. Raggiungerete a piedi (circa 20 minuti) l’Ostaia, la oltrepasserete e salirete la costa fino a raggiungere la parte antistante il Forte Puin.
Da lì, troverete un sentiero che inizialmente scende nel bosco ma poi risale per portarvi, con una costante ascesa, fino al Forte Fratello Minore.

Alla ricerca dei Fossili

Ricerca di fossili al Righi

Ed ecco, finalmente, una delle tracce!

Percorrendo questo sentiero, basterà camminare tenendo gli occhi a terra e sarà facile imbattersi nei rari fossili di Helminthoidea Labyrinthica. Non si tratta di fossili veri e propri, però. Quelli che troviamo in queste rocce di calcare marnoso grigio sono i cosiddetti icnofossili, cioè tracce fossilizzate che antichi esseri viventi hanno lasciato quale testimonianza della loro presenza.

Nel nostro caso si tratta di paschichnia, movimenti per nutrimento, di un anellide marino limivoro, l’Helminthoidea Labyrinthica appunto, tra i 54 ed i 37 milioni di anni fa, durante l’Eocene, il periodo in cui i mammiferi crebbero in dimensioni e diffusione, andando a riempire praticamente tutte le nicchie ecologiche lasciate libere una decina di milioni di anni prima dai rettili mesozoici.

Ricerca di fossili al Righi

Cavalli allo stato brado, lungo il percorso

Nonostante si tratti di fossili piuttosto rari, in questa zona si possono trovare con relativa facilità.

Informazioni utili

  • Per arrivare fino al Forte Fratello Minore occorrono circa 50 minuti, soste escluse. Il percorso è in salita.
  • E’ vietato asportare il benché minimo resto fossile.
  • Posizionamento su Google Maps del tracciato.
  • La distanza dal centro di Genova in auto: 10 minuti circa.
  • Ideale per: bambini dagli 8 anni

Vi raccomandiamo, quindi di praticare il turismo sostenibile, i fossili che troverete vanno fotografati e lasciati lì per chi verrà dopo di voi.

Potete però portare con voi una piccozza da geologo (o martello e scalpello) per liberare la pietra da ciò che gli sta intorno e meglio osservarla, pennello e bloc-notes per riprodurne la forma e passerete con i vostri ragazzi una giornata diversa dalle altre a pochi minuti dal centro.

 

Nello zaino, non dimenticare:

  • lente d’ingrandimento
  • piccozza da geologo o piccolo martello
  • pennello per spolverare i fossili
  • macchina fotografica
  • scorta di acqua

E’ consigliato l’abbigliamento sportivo o da trekking.

ATTENZIONE: la lettura di questo articolo e la conseguente effettuazione della gita non può dare in alcun modo luogo a nessuna richiesta di risarcimento e rimborso né a procedimento giudiziario/arbitrale per infortuni, danni a persone/cose anche di terzi, e qualsivoglia ragione nei confronti dell’autore dello stesso, e solleva da ogni responsabilità civile e penale, anche oggettiva, l’autore stesso, l’editore e il titolare dello spazio web.

ATTENZIONE: le informazioni presenti in questo articolo possono non essere aggiornate, per cambiamenti dovuti a clima, manutenzione del territorio, eventi naturali, danni causati dall’uomo. Se volete segnalarci difformità con quanto scritto, vi invitiamo a farlo scrivendo a info@101giteinliguria.it – Contribuirete così ad un sito sempre più aggiornato ed attendibile. Grazie!

Questo articolo è stato creato e/o rivisto nel corso dell’anno riportato sul bollino.
Annunci

Fossili al Righi

Via delle Baracche, 2, 16136 Genova GE, Italy

Post correlati