Questa breve passeggiata nel verde, sulle alture di Sestri Ponente, vi consentirà, per qualche ora, di staccare dalla frenesia della città e di raccogliervi, voi, insieme ai vostri bambini, in qualche ora di semplice meditazione.

Sono due, infatti, i temi di questa passeggiata: la meditazione e la memoria. A volte, anche i bambini, a loro modo, ne hanno bisogno.

Da dove si parte

Il punto di partenza si trova a destra del piazzale.

Il punto di partenza è l’Eremo di Sant’Alberto, sulle alture di Genova Sestri Ponente.

Lo raggiungerete in auto (non è possibile fare diversamente), oltrepassando il cimitero omonimo, di qualche chilometro. Non potete sbagliare perché la strada termina sul piazzale del Santuario, dove potete agevolmente posteggiare.

Sant’Alberto è il patrono di Sestri Ponente. Se fate questa escursione in una mattina di un giorno festivo, potete entrare nella chiesa e visitare la Cappella di S. Alberto che è, probabilmente, la struttura più antica del Santuario a lui dedicato.
Non si hanno documenti che ne permettano una datazione certa.

Presumibilmente è stata edificata precedentemente o contemporaneamente alla chiesa per conservare l’ingresso della grotta dove la tradizione testimonia che S. Alberto abbia soggiornato per molti anni, forse più di venticinque, e dove sia morto l’11 luglio del 1180.

In effetti, entrando, a sinistra, è ben visibile una roccia o scoglio di notevoli proporzioni, che fa da naturale tetto ad un antro. Esso, in realtà, doveva avere originariamente dimensioni molto più ampie. L’edificazione della chiesa ha preservato solo l’ingresso della grotta-rifugio di S. Alberto.

In marcia!

Villa Pace

A destra del piazzale, imboccherete una strada in discesa che, dopo poco, si trasformerà in sterrata.

Vi porterà agevolmente ad un piccolo borgo immerso nel verde, dominato da una villa signorile, non abbandonata ma sicuramente non abitata, che si chiama Villa Pace. Mai nome è sembrato più adatto, per questo minuscolo gruppo di case, immerso in un silenzio e in una pace davvero unici.

Nel giardino che affianca la villa, sono ancora visibile pregevolissime statue da giardino.

Subito dopo la Villa, dovete prendere il sentiero che sale alla vostra sinistra. Lo riconoscerete perché è caratterizzato dal segnale composto da 3 pallini rossi.

Si sale abbastanza rapidamente lungo uno stretto sentiero, recentemente adattato a pista di mountain-bike. Occorre perciò fare molta attenzione perché potrebbe arrivare qualche bikers in tutta velocità (essendo discesa, per lui).

Questo sentiero, infatti, va poi a incrociarsi col Trail dei Freschi, apposito percorso fatto per i mountain-bikers.  Giungerete così in poco tempo ad una strada aslfatata.

Si tratta della rotabile dei Piani di Croce. Prendete a destra.

Oltrepasserete, dopo qualche centinaio di metri, il canile municipale di Genova-Sestri.

Oltrepassato il canile, alla vostra sinistra troverete un sentiero che costeggia il crinale.

Lo percorrerete, perché è quello che porta al Monumento ai Caduti della Montagna, posto sul Monte Spassuia che si staglia proprio di fronte a voi, all’altezza di 437 metri.

Prima di giungervi passerete sotto un pilone di un elettrodotto (fare attenzione) e supererete un breve tratto scosceso, dove vi aiuterete con una catenella appositamente installata.

Lungo tutto il percorso, in stagione, potrete assaporare gustosissime more!

Il Monumento ai Caduti della Montagna, di Monte Spassuia

Giungerete infine sulla “cima” del Monte Spassuia, dove è posto un piccolo Monumento ai Caduti. Davanti a voi vedete il Monte Gazzo, ma la vista spazia liberamente dal Monte di Portofino al Monte Figogna (Santuario della Guardia), alla Riviera di Ponente, fino a Capo Noli.

Lungo tutto il percorso, in stagione, potrete assaporare gustosissime more!

Per il ritorno, vi consigliamo di seguire lo stesso percorso.

 

Nello zaino, non dimenticare:

  • Scorta d’acqua (non vi sono fonti lungo il percorso)
  • Bastoncini da trakking
  • K-way
  • Binocoli

ATTENZIONE: le informazioni presenti in questo articolo possono non essere aggiornate, per cambiamenti dovuti a clima, manutenzione del territorio, eventi naturali, danni causati dall’uomo. Se volete segnalarci difformità con quanto scritto, vi invitiamo a farlo scrivendo a [email protected] – Contribuirete così ad un sito sempre più aggiornato ed attendibile. Grazie!

Il percorso su Strava

Annunci

Da Sant'Alberto al Monte Spassuia

Via Sant'Alberto, 16154 Genova GE