Il Parco Beigua è il parco più #amisuradibambino della Liguria. Lo abbiamo scoperta nella nostra intervista a Claudia Fiori, addetta stampa dell’Ente Parco.

Claudia Fiori, addetta stampa dell’Ente Parco, quale è la vostra offerta family?

Al momento non abbiamo una vera e propria categorizzazione family delle nostre strutture, ma il programma Ospitali per natura segnala quelle che collaborano con il Parco e che offrono informazioni e materiali al turista per una migliore fruizione dell’area protetta.

Sempre più negli ultimi mesi il Parco ha orientato la programmazione delle proprie iniziative verso la famiglia, con proposte che uniscano la piacevolezza e il divertimento all’apprendimento, anche sulla scia delle numerose attività che come Centro di Esperienza già proponiamo alle scuole.

Ci parli meglio della pagina – Il Parco dei Bambini

Come avete visto abbiamo la pagina “Il Parco dei bambini” segnala, tra la programmazione del Parco, quelle che sono le attività più adatte ai piccoli.
Al momento la categoria è vuota in quanto siamo verso la fine della programmazione autunnale e abbiamo già fatto le attività dedicate ai bambini.

La nostra programmazione è su base trimestrale, verso fine dicembre uscirà il programma invernale per i mesi gennaio-marzo, a fine marzo quella per aprile-giugno e così via.

Posso già anticiparvi che, dopo il felice esperimento di questa estate (I venerdì con le Guide per piccoli Geoparker), anche nel periodo invernale proporremo un programma simile, meno intenso nelle frequenze e con una location diversa da Pratorotondo, più accessibile anche in caso di nevicate. Verso fine dicembre, contestualmente al resto della programmazione, pubblicheremo tutte le informazioni.

Ci sono aree giochi da segnalare, o presentare, nel parco?

Nell’area protetta non abbiamo aree giochi, ma possiamo segnalare dei percorsi particolarmente interessanti e facili anche per i più piccoli:

Altri percorsi, sicuramente piacevoli anche per i piccoli, sono per camminatori un po’ più esperti, fattibili ma non sempre alla portata di primi escursionisti, quindi non ci pare opportuno consigliarli senza un confronto diretto tra le nostre Guide e i fruitori.

Che cosa ci potete segnalare, di altro?

Molto interessanti, per le famiglie, possono essere:

  • il Centro Ornitologico in loc. Case Vaccà (Arenzano), con aperture stagionali. Qui i bimbi possono incontrare l’Ornitologa del Parco che racconta tante curiosità sugli uccelli migratori e possono raggiungere facilmente l’altana per l’avvistamento
  • il Centro Visite di Palazzo Gervino a Sassello, dedicato agli aspetti geologici e geomorfologici del Parco, con esposizione di reperti fossili rari e davvero affascinanti (apertura nei fine settimana, variabile in base alle stagioni)
  • il Punto Informativo di Pratorotondo, aperto nei mesi estivi, che racconta l’evoluzione geologica del comprensorio del Beigua attraverso una bella esposizione di campioni di rocce. Da qui poi è percorribile il primo tratto dell’Alta Via, affacciato sul mare, semplice e fattibile per tutti.
  • Il banner della campagna di Regione Liguria sui Parchi Liguri.

Parco del Beigua

Qui la parola d’ordine è biodiversità.

Sì, perchè il Parco del Beigua oltre ad essere il parco più vasto della Liguria, è una delle zone più ricche di varietà di piante, animali, paesaggi.

Un mosaico di ambienti che si può apprezzare percorrendo anche brevi tratti, facili da affrontare con i bambini piccoli.

Contatti

Parco del Beigua

Via G. Marconi, 165 – 16011 Arenzano (GE)
Tel. +39 010 8590300
[email protected]

su Facebook

Cosa fare nel Parco e dintorni

Annunci

Post correlati